SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La campagna di Russia. 1941-1943

Maria Teresa Giusti

Bologna, il Mulino, 375 pp., € 26,00 2016

Dopo il suo importante lavoro su I prigionieri italiani in Russia, Giusti ha allargato l’orizzonte della ricerca all’intera vicenda della partecipazione italiana all’aggressione all’Urss. Il filo conduttore della narrazione è l’impreparazione a un conflitto che si trasformò presto in una delle maggiori tragedie della storia dell’Italia unita. Nonostante la decisione di condurre la «guerra parallela» con i tedeschi risalisse al maggio 1940, l’Italia partecipò all’«operazione Barbarossa», iniziata un anno dopo, con un corpo di spedizione male armato ed equipaggiato. Altrettanto nefaste furono le rivalità ai vertici del Csir, che favorirono l’emergere di comandanti mediocri, ma, in vista di una vittoria data per certa, tali da non fare ombra a Mussolini. Le prime stentate vittorie, ottenute su un nemico stremato e in ritirata, con il sostegno decisivo della Wehrmacht, furono utilizzate come pretesto per inviare un corpo di spedizione ancor più numeroso, l’Armir, che, chiamato a difendere un fronte troppo esteso per l’addestramento e i mezzi a disposizione, fu distrutto nel corso della battaglia di Stalingrado. Solo lo sfaldamento dell’Armata Rossa avrebbe potuto evitare questo epilogo, per il resto reso ineluttabile da carenze strutturali e soggettive. Dalla nuova documentazione raccolta con scrupolo negli archivi russi e italiani non può giungere una risposta diretta al nodo centrale della sconfitta: perché l’Italia entrò con tanta leggerezza in una guerra che poteva evitare? È possibile gettare tutte le responsabilità su Mussolini? A ragione l’a. sottolinea in più passaggi che il diverso comportamento in battaglia degli eserciti tedesco e italiano derivò anche dalle differenti motivazioni. Per quanto criminale e megalomane fosse il progetto di un «nuovo ordine europeo», desta orrore anche il cinismo di chi partecipò a una guerra solo per sedere al tavolo delle trattative, e di quanti, fra militari, industriali, gerarchi, non si opposero a una guerra che sapevano mal concepita e peggio proseguita. Non avvalorano del tutto il mito degli «italiani brava gente» le lettere dei soldati italiani dal fronte, intercettate dall’Nkvd, e rinvenute da Giusti negli archivi russi (pp. 160 sgg.), che esprimono una diffusa convinzione di poter vincere la guerra senza particolari sacrifici; non si interrogano sulle sue ragioni, che al più giustificano come una crociata religiosa e, fra gli ufficiali, antibolscevica; condannano l’attitudine sprezzante dei tedeschi, ma temono soprattutto l’impreparazione a combattere in condizioni di freddo polare; provano simpatia per i civili, ma si macchiano anche loro di crimini contro prigionieri e popolazione, pur se minori rispetto agli alleati. La riflessione giunse poi, dopo la sconfitta, e solo per alcuni, e con un senso di disagio si leggono le pagine sugli espedienti adottati per sottrarre militari accusati di crimini di guerra non solo alla «giustizia» sovietica ma a un giudizio equo e pubblico in Italia (pp. 202-208). Al lavoro di Giusti va riconosciuto il merito di aver aggiunto importanti elementi di riflessione alla sempre aperta questione del carattere nazionale degli italiani.


Fabio Bettanin