SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La psichiatria di guerra. Dal fascismo alla seconda guerra mondiale

Paolo Giovannini

Milano, Unicopli, 2015, 165 pp., € 13,00 2016

Oltre duemila titoli in vent’anni. Basta consultare la Bibliografia della storia della psichiatria italiana, 1991-2010 di Matteo Fiorani – scaricabile gratuitamente dal sito della Firenze University Press – per disporre di un quadro articolato ed esaustivo di quello che è ormai un fiorente campo di studi, cui hanno contribuito negli ultimi anni figure professionali differenti – storici contemporaneisti e modernisti, storici sociali e delle idee, storici della medicina e della sanità, filosofi, psichiatri e medici, senza contare l’ingente letteratura di testimonianze e memorie di pazienti, amministratori e operatori sanitari. In questo quadro, uno dei temi più esplorati è stato indubbiamente quello della «psichiatria di guerra», con particolare riferimento all’impatto dei conflitti del ’900 sul controllo della malattia mentale, sull’organizzazione degli istituti psichiatrici e sulla stessa strutturazione della psichiatria come disciplina scientifica autonoma. Nonostante la netta prevalenza delle analisi dedicate alla prima guerra mondiale, negli ultimi anni anche il secondo conflitto mondiale ha fatto timidamente il suo ingresso nell’orizzonte degli studi, a partire da quelli di Paolo Francesco Peloso e Massimo Tornabene. In questo volume, che sistematizza una serie di contributi pubblicati dal 2006, l’a. affronta il rapporto tra psichiatria ed evento bellico, focalizzando l’attenzione soprattutto sulle riviste del settore, in un arco temporale compreso tra vigilia del conflitto e primi anni ’50. A unificare i saggi – dedicati tanto alle strutture e agli spazi manicomiali quanto ai diversi attori sociali coinvolti (malati, militari, prigionieri, civili) – è la costante riflessione sul rapporto di continuità e discontinuità tra 1940-1950 e l’esperienza cruciale e fondativa della Grande guerra. Gli elementi di continuità sono quelli più prevedibili: la guerra come laboratorio per la psichiatria e fondamentale occasione per rivendicarne e rafforzarne l’autonomia scientifica; i persistenti casi di simulazione; l’insistenza sul «fattore predisposizione» nell’analisi delle patologie neuropsichiatriche. Più interessanti invece le discontinuità su cui l’a. ferma l’attenzione. Due in particolare. In primo luogo, il devastante impatto della seconda guerra mondiale sulle strutture degli ospedali psichiatrici, con i conseguenti caotici trasferimenti di pazienti da una sede all’altra e l’aumento considerevole della mortalità per fame, freddo e precarie condizioni di igiene. In secondo luogo, la nuova dimensione della «guerra totale» e le sue pesanti ripercussioni sulla salute mentale della popolazione civile, registrate sia dalle riviste psichiatriche sia dalle lettere censurate dal regime ed efficacemente utilizzate dall’a. come controcanto doloroso delle diagnosi neuropsichiatriche. Come quella di una donna di Ancona, nel gennaio 1944: «Cerco di salvarmi. Ho la morte da tutte le parti. Non so se domani sarò viva. I bombardamenti sono terribili. Quante vittime! Interi rioni ad Ancona […] non sono più che cumuli di macerie. Ieri a Chiaravalle è stato un macello. Impazzisco » (p. 141).


Francesco Cassata