SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

L’idea di democrazia progressiva nella stampa mazziniana. «Il Dovere» e altri giornali repubblicani

Francesca Pau

Roma, Carocci, 251 pp., € 29,00 2015

di diversi studi su Giorgio Asproni, si propone in questo volume un duplice intento: da un lato una ricostruzione a tutto tondo della vicenda del periodico mazziniano «Il Dovere», nella prima fase della sua attività, e dall’altro l’utilizzo di questa esperienza come «categoria di lettura di tutto il vivere civile» (p. 233). I due piani di lavoro, tuttavia, non sempre appaiono perfettamente sovrapponibili e lo sforzo di sistemazione teorica, ispirato agli studi di Viroli, Mastellone e Mattarelli, pare più di una volta avere la meglio sulla ricostruzione storica dei dibattiti ospitati sulle pagine del giornale, che per altro l’a. ricostruisce fedelmente, a volte anzi con un’adesione mimetica persino nelle movenze stilistiche alle argomentazioni dei protagonisti. Al di là degli obiettivi teorici dell’a. è indubitabile che le pagine del «Dovere» rappresentano una chiave d’accesso privilegiata alla cultura politica democratica italiana negli anni ’60 del XIX secolo, basti pensare alla polemica tra Alberto Mario e Federico Campanella a proposito del saggio On Liberty di John Stuart Mill. Una cultura politica che affonda le proprie radici nella tradizione repubblicana classica ma che non per questo è impermeabile al liberalismo radicale anglosassone, alle correnti più avanzate della democrazia francese o anche all’internazionalismo anarchico di Bakunin. «Il Dovere» non vuole peraltro essere semplicemente un organo di dibattito teorico. Al contrario, ampio spazio hanno nelle sue pagine le discussioni legate ai temi politici di attualità: dal brigantaggio alla convenzione di Settembre, sino alle questioni di politica internazionale, come la guerra di secessione americana, o l’effimera esperienza dell’Impero del Messico, lette come episodi di una lotta globale tra le forze della reazione e quelle del progresso. Ma il cuore dei dibattiti che animano il periodico democratico genovese è rappresentato dal rapporto con le istituzioni e dalla possibilità di una Sinistra se non di governo quanto meno integrata nell’ordine costituito e disponibile a svolgere la propria attività accettando il quadro politico dato. Un’ipotesi che in questi anni tenta più di un esponente della Sinistra rivoluzionaria – e che troverà la sua manifestazione più nota nella polemica tra Mazzini e Crispi su «monarchia e repubblica» – cui la maggior parte dei collaboratori del «Dovere», a partire dallo stesso Campanella, risponderanno con quel «riformismo condizionato» che non implica la rinuncia all’orizzonte rivoluzionario e repubblicano (e anzi da molti punti di vista lo presuppone), che sarà una delle caratteristiche costitutive della galassia democratico-repubblicana in età liberale, e anche oltre.


Pietro Finelli