SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La mamma

Marina D'Amelia

Bologna, il Mulino, pp. 336, euro 14,50 2005

Il mammismo fu inventato nel 1952, almeno come termine. Ma certo il mito unificante e coesivo della madre italiana affondava le radici in un humus assai più antico, e si nutriva di elementi che avevano caratterizzato il discorso pubblico sulla famiglia e sul ruolo materno da almeno cento anni. In questo bel libro, sorretto da una ricerca che si indovina ancora più ampia, solida e approfondita, di quanto i criteri della collana consentono, con la rinuncia alle note, Marina D'Amelia, già curatrice della fortunata Storia della maternità di Laterza, ci aiuta a riflettere su quello che a buon diritto è uno dei pilastri dell'identità italiana. La vivacità dell'esposizione e il tema stesso hanno contribuito al successo mediatico del volume, di recente vincitore di un premio in cui le giurie di studenti e di lettori hanno un peso decisivo. Successo ben meritato per il modo assai attento e rigoroso in cui l'autrice dipana una serie di fili che a volte sembrano incontrarsi e quasi identificarsi eppure svelano poi tante voci diverse, soggetti che di volta in volta hanno utilizzato il tema del modello materno per indicare diverse letture e modelli della famiglia, della società, e della politica: e sempre ? in qualche modo ? della nazione. Mi pare che anche l'esperienza di modernista di D'Amelia l'aiuti a porre una serie di questioni con uno sguardo lungo, capace di cogliere l'innovazione su modelli assai consolidati, o addirittura d'ancien régime (p. 49). Le madri risorgimentali a buon diritto meritano un intero capitolo: da Adelaide Cairoli in poi hanno costituito un asse portante del mito di un Risorgimento proposto in una dimensione familiare e non solo. Ma accanto alla Savio e alla Drago, o a Eleonora Ruffini, si insinua il discorso di Mantegazza: la donna ?ama gli uomini più che la patria; l'umana famiglia più che la nazione a cui appartiene? (cit. p. 99). Accanto al discorso patriottico si snoda quello selfhelpista, mentre fanno capolino altri sguardi, altre e contraddittorie inquietudini, e le ombre della rigenerazione del patrimonio razziale della nazione. Al tempo stesso si conferma, e si modifica, il modello forte delle madri cattoliche, giustamente declinate al plurale, e altrettanto plurali sono le voci delle madri della Grande guerra: alcune più attente alla sicurezza del figlio, altre non innocenti rispetto ai suoi sogni di gloria. Al discorso fa da contrappunto la realtà delle inchieste o quella colta dall'antiretorico Alvaro: ?in un raduno di madri prolifiche a Roma fu dato un buon pranzo alle convenute. Una di esse si mise a piangere improvvisamente, una povera donna che pensava a suo figlio a ogni boccone che avrebbe dato volentieri a lui? (cit. p. 232). Dispiace solo che questo lavoro non sia andato oltre il fascismo e Salò, per indagare in modo più approfondito anche il dopoguerra, fino ad altre e forse più profonde cesure nella società e nel costume. Ora che abbiamo un quadro così preciso sulla mamma italiana si dovrebbe forse andare avanti anche nella comparazione, per cogliere quanto di davvero specifico e di italiano vi fosse in un discorso che declina nelle varie lingue nazionali anche i modelli femminili. Ma forse non quelli della ?mamma?. Che sia questa davvero una specificità italiana?


Ilaria Porciani