SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il costo della libertà

Nunzio Di Francesco

Presentazione di Rosario Mangiameli, Furci Siculo (Me), Tipografia Manganaro, pp 2001

La vicenda di Nunzio Di Francesco somiglia a quella di numerosi altri italiani: prima l'8 settembre 1943 e lo sbandamento; poi la ?macchia?, nei dintorni di Venaria Reale ? in provincia di Torino ? dove era stanziato come recluta della V Divisione di artiglieria ?Superga?; l'esperienza resistenziale sul Montoso, nella formazione ?Garibaldi? di Pompeo Colajanni ?Barbato?; infine la cattura e la deportazione, a Mauthausen. Ma Nunzio è anche un siciliano, originario di Linguaglossa, paese dell'Etneo dove tuttora risiede, e questo ne caratterizza fortemente la memoria e la testimonianza: innanzitutto la memoria, perché il ritorno dalla tragica esperienza del Lager nella Sicilia del secondo dopoguerra gli è insostenibile; nessuno, se non la cerchia dei familiari più intimi, è disposto ad ascoltarlo e tanta ansia di narrazione ? mai placata dalle ripetute frustrazioni ? divamperà, infine, trovando la sua espressione più alta nell'autobiografia Il costo della libertà, che ha conosciuto due edizioni (entrambe a spese dell'autore), una del 1993 e l'altra, ampliata e corretta, del 2001. Il libro, costruito sul modello della ?storia di vita?, ripercorre tre importanti fasi della sua vicenda esistenziale: 1) l'infanzia e l'adolescenza a Linguaglossa; 2) la chiamata alle armi, lo sbandamento e l'esperienza resistenziale sul Montoso; 3) la cattura, la deportazione a Mauthausen, ed il ritorno. Agile e al tempo stesso conciso, in questa seconda edizione il racconto risente del confronto nel frattempo maturato con l'Università di Catania da un lato, con i testimoni (non solo siciliani) dall'altro. Dopo l'uscita della prima versione, infatti, Di Francesco ? da sempre attivo nel proporre, con alterna fortuna, alle istituzioni (tanto ai Comuni locali, quanto all'Anpi del catanese ed all'Aned nazionale) riflessioni sulla propria esperienza ? è inevitabilmente portato a confrontarsi con le ricerche sviluppatesi presso la Facoltà di Scienze Politiche di Catania, per impulso di Rosario Mangiameli, sui siciliani che presero parte alla Resistenza e su quelli che vennero deportati nei campi di concentramento nazisti. Di ciò è segno l'episodio riportato alla p. 94 e segg., che narra la cattura di Di Francesco e di parecchi altri partigiani del suo distaccamento; nella prima edizione, infatti, l'autore si basa esclusivamente sui propri ricordi, mentre nella seconda vi affianca una ulteriore versione fondata sull'intreccio tra testimonianze dei compagni e documenti coevi, a cui egli finisce con l'attribuire maggior completezza. È questa una pregevole riflessione sul rapporto tra memoria individuale e pluralità delle fonti. Ulteriore segno della cresciuta interazione tra Di Francesco e l'accademia è la Prefazione di Mangiameli, che apre la seconda edizione inquadrando l'esperienza del testimone nel più generale rapporto fra storia, memoria e presente della Repubblica.


Giovanna D'Amico