SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Il peso della libertà. L'Europa dell'est dal 1989

Padraic Kenney

Torino, Edt, 212 pp., euro 18,00 (ed. or. Nova Scotia, 2006) 2008

Non vi è compito più ingrato per lo storico che tentare di ricostruire il passato «più recente» e dover scrivere una storia post-contemporanea senza avere a disposizione i classici strumenti del mestiere; non solo quindi i materiali d'archivio, ma anche una riflessione storiografica consolidata sulla quale appoggiarsi. Se a questo aggiungiamo la necessità di coprire i 17 paesi che compongono oggi l'area dell'Europa centro-orientale, la sintesi manualistica di Kenney, studioso specializzato nella Polonia postbellica e già autore di un volume dedicato al 1989 (A carnival of revolution: Central Europe, 1989, Princeton, 2002), si propone addirittura l'impossibile. Date queste premesse, la lettura del volume si rivela una piacevole sorpresa. Pur rinunciando infatti a un approccio diacronico, l'a. riesce a tracciare un percorso cronologico e tematico sufficientemente chiaro per il destinatario principale del volume: gli studenti universitari. Troviamo quindi nel volume, in capitoli distinti, i principali temi che contraddistinguono l'analisi della situazione est-europea dopo il crollo del regime comunista: le concause dell'implosione del sistema sovietico, la creazione delle istituzioni democratiche, la transizione economica, i fattori di rischio e conflitto quali le questioni etniche, e da ultime le prospettive di integrazione nel nuovo contesto internazionale. Kenney individua correttamente come fattore scatenante del crollo dei regimi comunisti l'insostenibilità economica del modello di pianificazione e solo in seconda battuta la perdita di legittimità ideologica. Confutando una tesi tuttora diffusa, afferma che i movimenti di opposizione furono ovunque (perfino in Polonia) più deboli e marginali di quanto gli osservatori coevi immaginassero. Mette inoltre in guardia da facili generalizzazioni sull'influenza del liberismo economico soprattutto nei primi anni '90. I governi delle nuove democrazie est-europee ascoltavano infatti gli esperti del Fondo monetario internazionale, ma poi proseguivano con i propri programmi, basati sul tentativo di mantenere in piedi il sistema di assistenza sociale ereditato dal socialismo reale. Altrettanto convincente il giudizio su un bilancio socio-economico in chiaroscuro della transizione: maggiore benessere diffuso e sacche di povertà estrema si alternano con sempre maggiore frequenza, e le responsabilità di ciò vanno divise fra l'eredità del comunismo e la scarsa lungimiranza del mondo occidentale, che non ha offerto alcun sostanziale contributo alla rifondazione economica della regione. Meno penetrante, più giornalistico e influenzato da una letteratura transitologica di non eccelso livello appare invece il lungo capitolo 2, dedicato ai nazionalismi, così come la minuziosa ricostruzione dell'appoggio est-europeo all'intervento statunitense in Irak. La questione delle comunità rom, la più ampia e disadattata minoranza dell'intera Europa, viene ad esempio liquidata in pochi paragrafi che toccano sì il problema del pregiudizio etnico e del rispetto dei diritti umani, ma eludono le ben più profonde implicazioni demografiche e socio-economiche di una questione controversa e sino ad ora rimossa dal dibattito civile.


Stefano Bottoni