SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Donne sulla scena politica. Un'indagine sulle elette nel Veneto (1946-2009)

Susy Gasparini

Padova, Il Poligrafo, 389 pp., € 27,00 2010

L'a., laureata in Storia presso l'Università «Ca' Foscari» di Venezia, pubblica in questo volume i risultati della tesi di laurea discussa nel 2004, utilizzando come caso rappresentativo il Veneto. Nel complesso una ricerca quantitativa sulla presenza delle donne nella politica dal dopoguerra a oggi nei diversi livelli della rappresentanza locale e nazionale. Infatti, i dati raccolti si riferiscono ai Comuni capoluoghi di provincia, alle Provincie, alla Regione e alle elette in Parlamento.Il volume si apre con un capitolo dedicato alla lunga marcia verso la cittadinanza che Gasparini definisce la «rivoluzione più lunga». Di carattere prettamente bibliografico, mette insieme i numerosi contributi ormai esistenti su questo tema, in un'ampia ricostruzione che, tuttavia, pur essendo abbastanza documentata, si ferma nel complesso in superficie nella storia della conquista del voto. I successivi capitoli secondo, terzo, quarto e quinto si occupano della vera e propria raccolta dei dati.In primo luogo l'a. si è dedicata alle elette nei Comuni capoluogo di provincia del Veneto. I dati pur molto esaurienti non lasciano alcuno spazio a qualche riflessione aggiuntiva sulla realtà socio-politica delle città esaminate, né all'approfondimento di qualcuna delle tante figure femminili citate. Belluno, Padova, Rovigo, Treviso, Venezia, Verona, Vicenza risaltano solo come un lungo elenco di dati.Per le donne elette in Provincia nei capoluoghi del Veneto, si ripete lo stesso elenco di città e dati. Alle elette nel Consiglio regionale del Veneto è dedicato il quarto capitolo, dove si trova un brevissimo profilo biografico delle donne protagoniste. Infine nel quinto capitolo sono tratteggiate le figure delle parlamentari venete. Nelle conclusioni l'a. evidenzia questa mancanza di rappresentanza paritaria come un vero e proprio deficit per la nostra democrazia.Nel complesso si tratta più di un annuario statistico che di un libro di storia, ricchissimo nella raccolta dei dati e tuttavia incerto nella metodologia, anche perché mette insieme, dal 1946 al 2009 epoche politiche completamente diverse. Da una parte i partiti politici protagonisti dell'Italia repubblicana, artefici della rinascita democratica e ormai scomparsi dalla scena politica, dall'altra i nuovi partiti emersi a partire dagli anni '90 del '900 e ancora attori principali della cronaca quotidiana.


Cecilia Dau Novelli