SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

War Films. Interpretazioni storiche del cinema in guerra

Stefano Pisu (a cura di)

Società Italiana di Storia militare, «Quaderno 2015», Milano, Acies edizioni, 695 pp., € 35,00 2015

I war movies sono stati, soprattutto nel mondo anglosassone, uno dei temi più fre- quentati nell’ambito dei Film studies e della storia contemporanea. Anche perché la pro- paganda di guerra – nel libro, ovviamente, si muove da un’idea di cinema a tutto campo, e si discute anche di televisione – e il cinema sulle guerre del passato hanno costituito un capitolo importante della storia del ’900. Non era facile, dunque, offrire qualcosa di ori- ginale. Un obiettivo pienamente raggiunto dalla raccolta di saggi curata da Stefano Pisu. La panoramica di contributi, infatti, delinea un ampio spettro di modi di discutere i film di guerra senza risultare per questo una miscellanea dispersiva o una semplice traduzione di cose già dibattute. Nella prima sezione del libro, si parte dai «fondamentali», dalle premesse generali su cui scrivono G. Alonge, M. Ilari e P. Sorlin. Quest’ultimo, in particolare, fa un’osserva- zione dirimente: «Si può, su uno schermo, osservare la “realtà” di una guerra? La risposta, evidentemente, è no» (p. 67). I documenti audiovisivi possono essere utili – per Sorlin – per illuminare aspetti, momenti di un conflitto e soprattutto rappresentano «un modo di giudicare e di interpretare» (p. 79), di influire sulla nostra comprensione delle guerre e del mondo. Nelle sezioni seguenti, studiosi appartenenti a generazioni e ad ambiti di studi di- versi affrontano case studies, generi, singoli film, programmi televisivi, sulla base di un concetto molto ampio di guerra, che parte dal Medioevo (M. Merlo), passando per Napo- leone (L. Cuccoli e G. Buontempo) e arriva fino alle guerre più recenti (la «Video-Jihad», su cui scrive L. Donghi o la Guerra del Golfo, di cui parla P. Taylor) e a conflitti non combattuti sul campo di battaglia (come la «guerra fredda», nel gustoso contributo di M. Del Pero sulla serie The Americans) o a quelli spaziali, a cui è dedicato il saggio, veramente originale, di E. Terzuolo. Accanto a tematiche più tradizionali (il cinema e la propaganda del fascismo), ve ne sono altre meno battute in ambito italiano. Come quella sul «Cinema Impero», in cui vanno segnalati i contributi di A. Argenio sul cinema francese e la guerra d’Algeria e quello di M. Zinni sul cinema coloniale inglese e francese; o come gli anime giapponesi (M. Teti). Naturalmente la data di pubblicazione ha fatto sì che il primo conflitto mon- diale avesse uno spazio rilevante sia per quanto riguarda il cinema (Alonge, Ghigi), sia per quanto concerne la televisione (V. Roghi). Da segnalare, infine, i saggi di V. Zagarrio che riesce a ritagliare un percorso origi- nale attraverso i film sulla guerra del Vietnam, quello di D. Ellwood sugli americani e la campagna d’Italia e, infine, quello di F. Chiara sulle co-produzioni italo-jugoslave, prima fra tutte La battaglia della Neretva.


Ermanno Taviani