SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Territorialità e cittadinanza della morte.

Cognome: Canella
Nome: Maria
Dottorato in: Storia della società europea
Istituzione: Dipartimento di scienze della storia e della documentazione storica
Facoltà: Lettere e Filosofia
Ciclo: IX
Anno: 1994
Primo tutore: Franco Della Peruta
Secondo tutore: Carlo Capra
Co-tutela: Array
Abstract:

La tesi ha approfondito la questione della territorialità e cittadinanza della morte in Lombardia attraverso uno studio sulla nascita dei cimiteri moderni nelle città lombarde tra la fine del Settecento e la fine dell'Ottocento. Ancora inesplorate risultano, infatti, le vicende normative, le necessità sanitarie, le implicazioni economiche e le trasformazioni urbane che la gestione della morte impose con ciclica, rinnovata urgenza alle città lombarde (ed europee) dalla loro nascita e che raggiunsero sul finire del Settecento una dimensione e una gravità tali da richiedere l'invenzione di una nuova tipologia funzionale, il cimitero pubblico, autonomo rispetto alle istituzioni ecclesiastiche e religiose e isolato dal resto della città. Cimitero, dunque, come invenzione moderna nella sua dimensione programmatica, nella scissione tra vita e morte, o meglio tra la città dei vivi e la città dei morti, che, a partire dal Diciottesimo secolo, ha accompagnato la più complessa ricomposizione sociale e ristrutturazione urbana.

Abstract in inglese:

Array