SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Concorrenza, mercato e crescita in Italia: il lungo periodo

Alfredo Gigliobianco

Collana storica della Banca d’Italia, serie Contributi, vol. XIII, Venezia, Marsilio, 586 pp., € 50,00 2017

Il corposo volume – frutto di un convegno svoltosi a Roma nella sede della Banca d’Italia il 29 e 30 ottobre 2014 – costituisce un contributo importante; un contributo che interroga i rapporti tra concorrenza, mercato e crescita cercando di mettere al servizio di una maggiore conoscenza interventi che appartengono all’economia, ma anche alla storia economica, alla storia tout court e al diritto. Sono pagine generose di riflessioni, grafici e tabelle che testimoniano lo sforzo collettivo di interpretare una realtà complessa, attento anche ad allungare lo sguardo in epoche lontane. Per cercare di comprendere la situazione attuale, era infatti necessaria una ricerca che affrontasse e discutesse i nodi fondamentali della nostra economia in una visione la più ampia possibile. La linea guida principale consiste nel rapporto tra concorrenza e crescita, analizzato attraverso quindici saggi che coniugano teoria, storia, cultura, istituzioni, analisi empirica e settori produttivi. La tirannia degli spazi non consente un’analisi puntuale dei singoli lavori, sostenuti da un apparato bibliografico puntuale ed esaustivo e da una scrittura non unicamente destinata agli addetti ai lavori. Il risultato è un quadro analitico convincente, all’interno del quale si muovono i molteplici protagonisti della nostra storia plurisecolare: dalle gilde medievali alla struttura industriale frammentata nelle grandezze operative. Concorrenza, mercato e crescita sono, dunque, inevitabilmente intrecciati nelle onde lunghe della storia e le pagine del volume ci consegnano un panorama articolato di crescite e ristagni, di vittorie e di sconfitte, di aperture e chiusure. Il secondo dopoguerra è il lasso di tempo privilegiato e a giusta ragione: è questo il periodo nel quale il nostro paese si inserisce in dinamiche economiche globali e globalizzanti ed è, allo stesso tempo, il periodo che meglio evidenzia la complessiva arretratezza della nostra economia e le difficoltà ad affrontare mercati e concorrenza (non per mancanza di capacità dei singoli imprenditori ma per inefficienza del sistema paese nel suo insieme). Nonostante ciò, negli ultimi sette decenni l’Italia si è certamente sviluppata, seppur con una crescita assai lenta. I miracoli economici sono svaniti in fretta per lasciar spazio, dagli anni ’90 in avanti, ad una improvvisa deregulation senza regole. La concorrenza si è trasformata in monopoli o oligopoli con il sostegno delle forze politiche. Di conseguenza, si sono vanificate le possibilità di costituire un vero libero mercato aperto alle innovazioni e alla creatività che pure costituiscono un carattere originario della nostra storia. In sostanza, crescita e sviluppo non hanno proceduto di pari passo. Il merito di questo volume è quello di offrire molti spunti di riflessione e di non dimenticare che non esiste futuro se non si ragiona sul passato.


Maurizio Pegrari