SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

La grande mattanza. Storia della guerra al brigantaggio

Enzo Ciconte

Bari-Roma, Laterza, 277 pp., € 20,00 2018

La storia del brigantaggio meridionale, in età moderna e contemporanea, è il cuore di questo libro. L’a. riflette sulle forme di contrasto e di repressione del fenomeno, usate dai governi asburgico, borbonico, napoleonide e poi unitario. Il racconto parte dal XVI secolo per terminare nella seconda metà del XIX con la fine del brigantaggio postunitario. Secondo Ciconte, lo studio della repressione mostra visioni e modelli propri di un conflitto sociale, diretto a reprimere gli attori ribelli e marginali, pur in un contesto politicoideologico inserito in problemi più generali. Un quadro che emerge con forza nel ’600. L’a. propone un rapido sguardo, soprattutto sulle azioni repressive di Stati italiani o asburgici, rilevando una larga convergenza in antico regime. Innanzitutto sul profilo sociale di un banditismo che è sempre strettamente connesso alle caratteristiche della società feudale. In secondo luogo su pratiche operative che finiscono per somigliarsi: l’uso di premi e taglie per favorire delazioni e tradimenti, la spettacolarizzazione delle esecuzioni, le trattative con i briganti. Il libro passa direttamente alla fase risorgimentale, analizzando lo sviluppo del brigantaggio durante le guerre della Rivoluzione e dell’Impero, in cui fu coinvolto il Mezzogiorno. Anche qui, secondo l’a, francesi e napoletani riuscirono a sconfiggere (nel Decennio) l’insorgenza e il banditismo, grazie ad azioni pesanti e crudeli (come quelle degli avversari), senza però modificare il contesto sociale, anzi aggravandolo con la fine della feudalità. Uno schema riproposto nella rapida rassegna che dedica al periodo delle restaurazioni borboniche (con una puntata sullo Stato pontificio), di fatto confermando modelli repressivi e comportamenti delle forze di sicurezza inserite in una crisi sociale, pur di minore impatto. La fase postunitaria e la guerra dello Stato unitario al brigantaggio occupano la parte più rilevante del volume. L’a. analizza molti episodi del decennio successivo al 1860, ponendo sempre al centro le azioni dei militari e delle istituzioni italiane, ma esaminando alcune forme di contrasto al brigantaggio politico e alle sue varianti criminali. La tesi ribadisce la versione di una repressione brutale, non molto diversa dalle esperienze precedenti, ma forse più ampia e radicale per le caratteristiche del conflitto rurale esploso con l’unificazione. La sua interpretazione considera il brigantaggio un fenomeno di resistenza sociale, pur privo di un progetto politico generale, mosso da insoddisfazione e miseria, e respinto dai ceti dominanti che invece trovavano nella unificazione la propria definitiva legittimazione. Ciconte riprende alcuni tesi tradizionali, inserendole in una versione abbastanza diffusa nel discorso pubblico recente. Sono visioni che tendono a valorizzare questioni come il ruolo della camorra (in realtà marginale nelle vicende politiche dell’epoca), o al centro di dibattiti sin dall’unificazione stessa (il tema della divisione dei beni demaniali), unificate e riproposte nell’esame della guerra al brigantaggio.


Carmine Pinto