SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Storia di Ordine Nuovo

Aldo Giannuli, Elia Rosati

Milano-Udine, Mimesis, 244 pp., € 18,00 2017

Il libro ricostruisce la storia di Ordine Nuovo, una delle principali formazioni della destra radicale italiana, ripercorrendone la parabola politica a partire dalla fine degli anni ’50 fino al quadriennio 1969-1973, quando parte del gruppo confluì nel Movimento sociale, mentre una minoranza optò per la militanza extraparlamentare, venendo sciolto dal ministro dell’Interno Paolo Emilio Taviani ed entrando successivamente in clandestinità. Il volume è costituito da due parti distinte. La prima, firmata da Giannuli, è una sintesi delle perizie compiute dall’a. come consulente della Commissione Stragi e delle autorità giudiziarie di Milano e Brescia, dove negli ultimi vent’anni si sono svolti i processi più importanti sulla stagione delle stragi. La seconda, curata da Rosati, ricostruisce la cultura politica del Centro Studi Ordine Nuovo, con particolare attenzione alla figura intellettuale di Julius Evola e all’influenza esercitata sul movimento dal suo magistero. Gran parte del saggio, tuttavia, è dedicata alla ricostruzione di Giannuli, basata prevalentemente sulle fonti giudiziarie. Questa sezione ha il merito di inserire la storia di Ordine Nuovo in un contesto ampio che spazia dai rapporti con gli altri movimenti di destra radicale europea fino ai legami, più o meno occulti, con spezzoni dei servizi di sicurezza italiani e non. La tesi esposta, per altro già espressa in altri suoi contributi, è che Ordine Nuovo sia stata in Italia la principale agenzia operativa della cosiddetta guerra non ortodossa contro il comunismo, una particolare dottrina militare, secondo l’a., elaborata dall’intelligence statunitense e costruita sulla combinazione di terrorismo indiscriminato e manipolazione psicologica delle masse. All’interno di una narrazione non sempre lineare e di una ricostruzione a volte poco nitida, non mancano gli elementi d’interesse, come l’attenzione alla dimensione culturale della strategia della tensione (1969-1974) e alle sue molteplici radici, nonché il fitto intreccio dei rapporti tra i militanti ordinovisti ed elementi dei servizi di sicurezza italiani nell’elaborazione e nell’esecuzione delle stragi. Il contributo di Rosati propone una lettura del pensiero di Evola, agevolmente sintetizzato sebbene all’interno di una ricostruzione che non presenta particolari novità. Nelle intenzioni degli a. questa seconda parte del volume avrebbe dovuto bilanciare e integrare la prima sezione, forse un po’ troppo schiacciata sulla prospettiva giudiziaria. Il tentativo è solo in parte riuscito: i due capitoli non sempre comunicano, la dimensione politica e culturale, infatti, fatica ad armonizzarsi con le risultanze processuali presentate da Giannuli, mentre il profilo intellettuale di Ordine Nuovo tracciato da Rosati sembra appiattito sulla sola figura di Evola. Una maggiore integrazione avrebbe conferito, perciò, più complessità al volume, mostrando come Ordine Nuovo non fu solamente l’esecutore di operazioni segrete concepite da altri attori ma un soggetto politico dotato della sua autonomia.


Guido Panvini