SISSCO

Società italiana per lo studio della storia contemporanea

Risorse

Viaggio alle fonti dell’arte: il moderno e l’eterno. Margherita Sarfatti 1919-1939,

Elisabetta Barisoni

Treviso, ZeL, 294 pp., € 30,00 2018

Margherita Grassini è stata una protagonista della storia italiana del ’900, e non soltanto di quella artistica e culturale. La sua militanza e la sua relazione con Benito Mussolini l’hanno posta al centro delle vicende del regime fascista, del quale ha rappresentato, sicuramente fino all’inizio degli anni ’30, un’esponente ascoltata e dotata di considerevole potere. Barisoni esercita sulle sue vicende uno sguardo nuovo e interessante, per le sue capacità critiche e per la documentazione analizzata: il Fondo Sarfatti, acquisito nel 2009 dal Mart di Rovereto, fonte essenziale per ricostruire il percorso di formazione dell’intellettuale veneziana, come anche la sua rete di amicizie con gli artisti e i politici più in vista tra le due guerre mondiali. Le due parti in cui è diviso il libro ripercorrono la biografia di Sarfatti mettendola costantemente in relazione con la progressiva emergenza delle sue idee sull’arte e col suo orientamento politico, che passò dal socialismo – condiviso con il marito, Cesare Sarfatti – al fascismo, attraverso l’incontro con Mussolini e con l’interventismo. Lontano dai toni scandalistici che spesso accompagnano, nel nostro paese, la vita delle compagne dei leader politici, l’a. interroga lo stretto legame tra i due e le sue conseguenze pubbliche: fin dagli esordi, è difficile distinguere quali siano le posizioni di Sarfatti e quali quelle di Mussolini, vista l’onnipresenza di Margherita sulla scena e la sua profonda influenza sull’amante, che lei educa, «sgrezza» e introduce negli ambienti intellettuali del paese. Sarfatti è una instancabile conferenziera, è membro dei principali comitati del sistema di esposizioni periodiche su cui si fonda il regime, è uno degli scrittori ombra di Mussolini (che di arte si intendeva ben poco), è una organizzatrice di mostre, in Italia e soprattutto all’estero; è la prima biografa del Duce. Fino a quando sarebbe stata, progressivamente, emarginata dal regime, all’inizio degli anni ’30 (sistematicamente a partire dal 1934), per più cause concomitanti: le sue origini ebraiche; le modificazioni intervenute nel funzionamento del sistema artistico fascista; il deteriorarsi del rapporto personale con Mussolini, complice il veto di Rachele. Oltre che per averci restituito aspetti inediti della vita di Sarfatti (particolarmente interessanti quelli sulla sua amicizia con Wildt e Medardo Rosso), il volume è particolarmente prezioso per aver messo in luce la genealogia sarfattiana dell’arte italiana e la continua oscillazione, nel suo pensiero, tra il moderno e l’eterno, per riprendere il titolo dell’opera ma anche due delle parole chiave del fascismo e del suo rapporto con il tempo, che è stato il tempo del mito e dell’eternità. Un’oscillazione dietro cui si nasconde la principale convinzione della critica veneziana: l’idea che l’arte abbia una funzione politica e che lo Stato debba intervenire nel suo governo, pur senza promuovere un’inclinazione ufficiale o intromettendosi capillarmente nella scelta degli stili e delle poetiche artistiche.


Maddalena Carli